HomeIPNOSI E CIBOL'anoressia nervosa

L'anoressia nervosa

Il termine anoressia (dal greco Aνορεξία) significa letteralmente mancanza di appetito.

In tal senso, si tratta di un sintomo che accompagna numerose e distinte malattie ed è dovuto a diverse cause (cancro, insufficienza renale cronica, insufficienza cardiaca, sindrome acuta da radiazioni, depressione grave, demenza, malattie infettive, abuso di sostanze stimolanti, ecc.).

Nel nostro caso, questo termine risulta improprio dato che le persone affette da Anoressia Nervosa non smettono mai di avere fame, ma sviluppano una tale paura del cibo che arrivano a negare lo stimolo della fame o ad ingannarlo ingerendo grandi quantità di fibre o bevendo notevoli quantità d’acqua.
 
L’ANORESSIA NERVOSA è una patologia che ha come nucleo caratteristico l’intensa paura di acquistare peso, la profonda sensazione di essere sempre sovrappeso (non importa qual è il peso reale) e il continuo timore di perdere il controllo sul proprio corpo.
 
Molte donne, ed un numero sempre maggiore di uomini,  spinti dall’irrefrenabile desiderio di essere magri, non riconosco di essere sottopeso e possono sentirsi “grassi” anche a 40 chili. Per questi motivi, cercano di ridurre il più possibile tutti quei cibi che ritengono pericolosi e cercano in ogni modo di perdere peso. Non è raro che anoressici in punto di morte mostrino zone del loro corpo dove sentono di aver bisogno di perdere ancora peso.
 
Nei loro tentativi di diventare sempre più magri, gli anoressici eviteranno di introdurre calorie a tutti i costi e questo può portarli alla morte. Secondo varie stime, dal 10 al 20% dei pazienti corrono il rischio reale di morire a causa di complicanze mediche correlate all’anoressia.
 
Generalmente gli anoressici si battono per la perfezione. Solitamente mettono i bisogni degli altri davanti ai loro, stabiliscono per se stessi degli standards molto elevati e si sforzano di dimostrarsi continuamente la loro capacità di controllo.
 
Le  persone affette da anoressia nervosa considerano infatti fondamentale, nella loro vita, avere il pieno controllo del loro peso. Se non riescono ad avere controllo su quello che capita intorno a loro, essi possono però controllare il proprio peso.
 
Ogni mattina, il numero sulla bilancia può confermare se sono riusciti o se hanno fallito. Si sentono potenti e in controllo solo se sono riusciti a perdere peso.
 
Generalmente, focalizzare la propria attenzione sulle calorie e sulla perdita di peso è il loro modo per tenere fuori i sentimenti e le emozioni. Per loro, è molto più facile focalizzarsi sul cibo e stare a dieta piuttosto che affrontare direttamente i loro problemi.
 
Di solito gli anoressici hanno bassa autostima e talvolta ritengono addirittura di non meritare il cibo.
 
Solitamente negano l’evidenza che qualcosa vada male. Il senso di fame è negato con forza estrema.
 
Di solito fanno resistenza ad ogni tentativo di aiuto perché l’idea della terapia è vista unicamente come un tentativo di costringerli a mangiare.
 
Una volta, però, che ammettono di avere un problema e vogliono essere aiutati, possono essere effettivamente trattati con successo attraverso una serie di cure psicologiche, nutrizionali e mediche.

 

SEGNI E SINTOMI DELL'ANORESSIA NERVOSA

  • Evidente perdita di peso
  • Tendenza all’isolamento
  • Eccesso di esercizio fisico
  • Stanchezza
  • Sensazione di freddo
  • Debolezza muscolare
  • Ossessione per il cibo, le calorie e le ricette
  • Cercare scuse per non mangiare (ho appena mangiato, non sto bene, …)
  • Comportamenti inusuali a tavola (ad es. tagliare i cibi in pezzi microscopici, il modo di portare i cibi alla bocca, …)
  • Evidente disagio di fronte al cibo
  • Lamentarsi di essere “troppo grassi” anche quando si è magri
  • Cucinare per gli altri senza mangiare
  • Restringere la scelta dei cibi esclusivamente a quelli dietetici
  • Senso di colpa o vergogna legati al mangiare
  • Depressione, irritabilità, sbalzi d’umore
  • Induzione del vomito, uso di lassativi, pillole dimagranti o diuretici per controllare il peso
  • Mestruazioni irregolari o amenorrea
  • Indossare abiti larghi per nascondere la perdita di peso
  • Pesarsi spesso
  • Vertigini e crisi di svenimento
  • Difficoltà a mangiare in pubblico
  • Essere molto riservati sulle proprie abitudini alimentari
  • Pallore (spesso incarnato cereo)
  • Cefalea
  • Tendenza al perfezionismo
  • Sentimenti di autostima legati a quello che si è o non si è mangiato
  • Assenza di malattie che possono giustificare la perdita di peso

 

COMPLICANZE FISICHE E MEDICHE

  • Stanchezza e perdita di energia
  • Amenorrea
  • Problemi alla pelle
  • Vertigine e cefalea
  • Disidratazione
  • Respiro corto
  • Aritmie cardiache
  • Freddolosità
  • Senso di gonfiore
  • Perdita dei capelli
  • Dolori allo stomaco
  • Problemi metabolici
  • Ritenzione idrica
  • Decalcificazione delle ossa
  • Danni epatici e renali
  • Disturbi del bilancio elettrolitico
  • Insonnia
  • Anemia
  • Infertilità
  • Depressione
  • Atonia del colon per abuso di lassativi
  • Arresto cardiaco e morte
Joomla templates by Joomlashine

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti