HomeIPNOSI MEDICADomande e risposte

Domande e risposte sull'ipnosi

Le risposte del dott. Costa alle domande più frequenti sull'ipnosiCOSA E' LO STATO DI IPNOSI?

Per stato di ipnosi intendiamo uno stato naturale della nostra quotidianità durante il quale la parte critica della nostra mente è rilassata. Questo significa che possiamo ricevere delle suggestioni con maggiore facilità.
Con terminologia più tecnica possiamo dire che, durante lo stato ipnotico, siamo disponibili ad analizzare la realtà in maniera differente. Questo spiega l'utilizzo dell'ipnosi nella creatività, come mezzo per migliorare l'accesso alle nostre risorse inconsce.

 

CHE CONTROLLO ABBIAMO SU NOI STESSI IN IPNOSI?

Molto alto. Possiamo con certezza affermare che, durante lo stato ipnotico, il nostro controllo è addirittura aumentato. Uno degli elementi caratterizzanti è proprio la focalizzazione della nostra attenzione su noi stessi, con un conseguente miglior accesso alle nostre risorse e alle nostre memorie.

 

COME CI SI SENTE AD ESSERE IPNOTIZZATI?

Lo stato di ipnosi è uno STATO NATURALE che sperimentiamo più volte durante la giornata. Si calcola che ciò avvenga del tutto spontaneamente per circa 15 minuti ogni ora e mezza.
In caso di uno stato ipnotico indotto da altri, la sensazione è paragonabile a quanto proviamo al 
mattino quando, suonata la sveglia, abbiamo magari ancora piacere di rimanere nel nostro letto.

 

COME CREIAMO UNO STATO DI IPNOSI?

Al di là dei frequenti episodi spontanei, ci sono innumerevoli tecniche per creare uno stato ipnotico su se stessi e sugli altri. Essenzialmente si lavora sul depotenziamento della parte critica della nostra mente conscia e sul potenziamento della parte creativa e fantasiosa. Si possono utilizzare tecniche dirette, in cui il soggetto è pienamente consapevole di tutti i passaggi via via utilizzati, e tecniche indirette, dove le suggestioni vengono fornite in modo meno apparente. È questo, ad esempio, il caso delle tecniche della persuasione pubblicitaria o dell’Ipnosi Conversazionale.

 

CHE DIFFERENZA C'E' TRA IPNOSI E IPNOSI MEDICA?

Ipnosi: induzione di uno stato di ipnosi.
Ipnosi Medica: induzione di uno stato di ipnosi e suo utilizzo a fini terapeutici

 

L'IPNOSI PUO' ESSERE UTILIZZATA PER PERDERE PESO O SMETTERE DI FUMARE?

Certamente. Durante le sedute, il paziente viene condotto in uno stato di rilassamento dove più facilmente può essere indotto il cambiamento desiderato.

 

L'IPNOSI PUO' ESSERE UTILIZZATA PER RIDURRE IL DOLORE?

Sicuramente, tuttavia con estrema cautela. Infatti il dolore è un sintomo che non va assolutamente soppresso prima di averne identificato l’origine. L’analgesia ipnotica è una delle applicazione più sperimentate ed efficaci ma va effettuata da personale altamente qualificato.

 

C'E' QUALCHE PERICOLO CON L'IPNOSI?

Nessun pericolo. L’ipnosi è di per sé innocua.

Sono state condotte innumerevoli ricerche scientifiche che sono arrivate alla conclusione che non esistono pericoli nelle induzioni ipnotiche.

Vi sono tuttavia situazioni in cui non va utilizzata, così come altre in cui può essere impiegata evitando però l’applicazione di determinate tecniche.

Dal momento che si tratta una tecnica che dissocia i due emisferi cerebrali, essa è controindicata in coloro che soffrono di disturbi psichiatrici gravi, quali ad esempio la schizofrenia.

Da evitare è pure il suo utilizzo a scopo puramente sintomatico in assenza di una precisa diagnosi. 

POSSO ESSERE IPNOTIZZATO SENZA SAPERLO?

Assolutamente NO, se ci riferiamo all’ipnosi formale. Ricordiamo che entriamo in uno stato ipnotico spontaneamente più volte durante la giornata. Se pensiamo poi  all’ipnosi "indiretta", la pubblicità e la televisione ci ipnotizzano tutti i giorni...

 

COSA E' L'IPNOSI DA SPETTACOLO?

L'ipnosi da spettacolo, o da palcoscenico, sfrutta il lato ludico ed esibizionista della persona che partecipa a tale genere di iniziative. Non dimentichiamo infatti che i partecipanti sono sempre volontari.

 

CI SONO SOGGETTI PREDISPOSTI O NON ADATTI ALL'IPNOSI?

Certamente esiste una maggiore o minore suscettibilità a sviluppare ipnosi.

Sono importanti, in questo senso, i fattori legati all’ambiente in cui la si attiva, la personalità del paziente e quella dell’ipnotizzatore.

Rivestono poi un ruolo importante sia le aspettative reali e implicite di entrambi i soggetti (terapeuta-paziente) sia il grado di empatia che si stabilisce tra i due.

Al di là di questi aspetti generali, chiunque sia dotato di una normale intelligenza può accedere ad uno stato ipnotico.

 

SI PUO' INDURRE LO STATO DI IPNOSI SUGLI ANZINI E SUI BAMBINI?

Fino a pochi anni fa, si credeva che gli anziani fossero refrattari all’ipnosi. L’esperienza clinica ha invece dimostrato che si ottengono buoni risultati, soprattutto nel voler restituire sensazioni di vitalità e di entusiasmo.

 

COSA OCCORRE FARE PER PRENDERE UN APPUNTAMENTO?

Per avere un appuntamento occorre contattare direttamente il dott. Costa al 3401770055.

 

Joomla templates by Joomlashine

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti